IT EN DE
Itinerari dalla Tenuta Fernanda Cappello
Home / Gli Itinerari / ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
Percorso
Affascinante itinerario lungo il centro storico, partendo dal castello dei conti Spengenberg, nucleo originario della città (XI-XII secolo) e percorrendo la città tra strade acciottolate, portici e prestigiosi edifici monumentali. Un'occasione per ricostruire la Spilimbergo dei tempi antichi, ma anche l'opportunità di godere di quella di oggi.
Destinazione: Spilimbergo

Borgo Vecchio
Lungo Corso Roma, il cuore della città, si incontra la Torre Orientale, che un tempo era integrata nella seconda cinta muraria. Proseguendo si giunge in Piazza Duomo, delimitata dal Duomo di S. Maria Maggiore. Al suo interno è custodito un monumentale organo dove è possibile ammirare le opere di Vitale da Bologna, del Pilacorte, del Pordenone, di G. Antonio de Cramariis, di Giovanni Martini, di Girolamo Stefanelli e di Joseph Heintz il giovane.
Sempre in Piazza Duomo si trovano il Palazzo del Daziario e la Loggia della Macia, sulla cui colonna ad angolo è ancora visibile la “macia”, ovvero l' unità di misura di lunghezza anticamente usata negli scambi commerciali.
Da Piazza Duomo si può attraversare a piedi un ponte sull’antico fossato per giungere al castello: eretto in prossimità del fiume Tagliamento intorno al 1100, fu ricostruito secondo schemi medioevali in seguito a un incendio nel 1511.

Borgo Valbruna
E’ il quartiere medievale, dove si trovano il Palazzo Spilimbergo di Sopra (con vista panoramica sul corso del fiume Tagliamento) e alcuni storici caseggiati popolani.

Borgo Orientale
Da visitare: Palazzo Ercole, la Casa del Capitano e, andando verso il centro, Palazzo Monaco e i resti del Palazzo Cisternini, che fu distrutto dall’esercito russo durante le guerre napoleoniche.

Broiluccio
Tipici caseggiati storici popolani.

Borgo Nuovo
All’ingresso del Borgo Nuovo si trova quasi subito la Torre Occidentale, risalente al XIV secolo. Presso la chiesa dei Frati si può ammirare il Coro Ligneo realizzato da Marco Cozzi, mentre nella chiesa di S. Giovanni dei Battuti si trovano un affresco di scuola germanica e alcune opere risalenti all'epoca di Tiepolo.

Fuori le mura
Fuori le mura possiamo trovare la chiesa dedicata a S. Rocco, patrono di Spilimbergo e viale Barbacane. Si tratta dell’antica cinta difensiva, poi trasformata in mercato bovino e oggi affascinante viale alberato.

Scuola mosaicisti del Friuli
Nata ufficialmente nel gennaio del 1922 ed erede dell'antica tradizione musiva romana e bizantina, è un istituto di formazione unico al mondo. I maestri mosaicisti formati dalla Scuola, hanno realizzato, e realizzano, opere di grande valore artistico: decorazioni di chiese, moschee, regge, palazzi pubblici, centri sportivi, aeroporti e piazze in ogni continente. È sede di attività didattiche e luogo di esposizione delle opere.

Corte Europa
Un esempio moderno dell'applicazione dell' architettura musiva.
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO
ALLA SCOPERTA DI SPILIMBERGO, LA CITTA' DEL MOSAICO